Crea sito

Sondaggio su recepimento Direttiva 2013/59/Euratom: traduzione in lingua italiana del termine “practitioner”

Gentili Colleghi, vi diamo comunicazione di questa importantissima iniziativa sul FUTURO DELLA NOSTRA PROFESSIONE che solo grazie alla collega Gerarda IZZO, ne siamo venuti a conoscenza. GRAZIE GERARDA!
Di che si tratta?

La federazione nazionale TSRM, sta decidendo in Consiglio Nazionale, se accettare la cattiva traduzione di “practitioner”=specialista (così come recepito e scritto nell’attuale D.lgs 187/2000 – Norma inapplicata e inapplicabile come la stessa Federazione ha ripetutamente affermato e che relega il TSRM a un ruolo ausiliario e non di professionista quale siamo e a lavorare con delega dello specialista e quindi ad essere esposti a denunce penali come è successo ai colleghi di Marlia e Barga), oppure proporre la traduzione di “practitioner”=professionista sanitario abilitato, che corrisponde alla traduzione corretta del termine (operatore/professionista) così come recepito da tutti gli altri stati membri dell’Unione europea.

PRIMA DI LEGGERE L’APPELLO DI GERARDA  IZZO, SOTTO RIPORTATO, NON SI PUÒ NON FARE ALCUNE RIFLESSIONI E OSSERVARE QUANTO SEGUE:

1) Ma la Federazione TSRM non aveva già deciso e richiesto al Ministro della salute la traduzione corretta ovvero “PRACTITIONER”=PROFESSIONISTA SANITARIO ABILITATO? Adesso sta facendo marcia indietro?

2) Ma la Federazione TSRM non aveva già deciso e chiesto al Consiglio dell’Unione Europea la traduzione corretta ovvero “PRACTITIONER”=PROFESSIONISTA SANITARIO ABILITATO? Adesso sta facendo marcia indietro?

3) Come mai per un argomento così importante la Federazione TSRM non informa direttamente tutti i circa 28000 TSRM chiedendone espressamente il parere così come ha fatto in passato in altre occasioni, mediante la propria lista di mail con la quale ci informa di congressi, corsi e master E NON FA LO STESSO PER QUESTA QUESTIONE DI VITALE IMPORTANZA PER TUTTI NOI TSRM?

4) Come mai i presidenti e i consigli direttivi dei singoli collegi (tranne uno sparuto numero fra i quali il Collegio TSRM di Catania e di Foggia che ci hanno comunicato la loro iniziativa di assemblea e sondaggio) non hanno informato i propri iscritti su quanto si sta decidendo?

Allora tocca a noi far valere i nostri diritti e per questo è bene partecipare al sondaggio della collega Gerarda Izzo esprimendo il nostro parere e il cui risultato verrà portato nel prossimo Consiglio Nazionale del 8 aprile 2017.

INVIAMO UNA MAIL ALLA COLLEGA IZZO AL SEGUENTE INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA: [email protected]

Scrivendo

  • PRACTITIONER = PROFESSIONISTA SANITARIO ABILITATO

oppure

  • PRACTITIONER = SPECIALISTA

Leggi comunicato collega Gerarda Izzo: Comunicato Sondaggio Izzo-2017

Leggi circolare federazione: circolare-15-2017-Consiglio-nazionale-straordinario-8-aprile-2017

DISTINTI SALUTI: il Gruppo aderente alla Consulta Nazionale Professione TSRM

Altri articoli sull’argomento: 

Nota: Se altri colleghi, strutturati e studenti, desiderano essere inseriti nella mailing list TSRM, possono inviare la richiesta al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]  con all’oggetto “RICHIESTA ISCRIZIONE MAILING LIST TSRM“.