Crea sito

L’Infermiera che lavora come tecnico in RM: come è andata a finire?

Molti di noi ricorderanno che il 26 febbraio 2015, la collega Consuelo La Valle, dimostrando molto coraggio e senso di responsabilità e appartenenza alla nostra Professione, denunciò un caso di “abuso di professione” da parte di una Infermiera che veniva impiegata per eseguire indagini di Risonanza Magnetica e, proprio per questo motivo, non fu rinnovato il contratto di lavoro ad un nostro giovane collega. Per chi non ha seguito la vicenda può leggere l’articolo al seguente linK: ADDIO RISONANZA MAGNETICA, ADDIO TSRM …

Come è andata a finire?

Direi bene (forse?), la collega ci ha informati e chiesto di divulgare la sua comunicazione che è possibile leggere qui di seguito:

Piacenza, 26 ottobre 2015

Oggetto: conclusione del caso di abuso di professione (IP che lavorava come TSRM presso il Servizio di Risonanza Magnetica) a Piacenza

Gentili colleghi, vi comunico con soddisfazione che il cosiddetto caso ” La Valle ” si è risolto: la Casa di Cura dove prestavo servizio ha assunto un tecnico di Radiologia e l’infermiera è stata adibita ad attività che rientrano nelle sue competenze professionali.

Ringrazio tutti i colleghi che sin dall’inizio dell’anno mi sono stati vicini.

Un ringraziamento particolare va al Presidente della Federazione che con pazienza e determinazione ha prima ricercato e poi realizzato un percorso che, coinvolgendo la Federazione IPASVI, i Collegi Professionali di Genova e Piacenza e quello Ipasvi di Piacenza, ha consentito la risoluzione della criticità, senza esposti e, soprattutto, senza generare conflitti tra professioni che, invece, dovranno conoscersi sempre meglio per cooperare sempre di più, nell’interesse del sistema sanitario e delle persone assistite, nel rispetto delle reciproche competenze.

Grazie ancora

TSRM La Valle Consuelo

Cara Consuelo, ti ringraziamo di cuore anche a nome di tutti i TSRM italiani, non ci hai però detto se per te ci sono state ripercussioni per il tuo grande coraggio, non ci è sfuggita l’espressione … la Casa di Cura dove prestavo servizio … Speriamo davvero tutti che tu non subisca o abbia subito penalizzazioni personali, professionali e lavorative, in caso contrario, il caso non è per niente chiuso, … anzi!

 

3 Risposte a “L’Infermiera che lavora come tecnico in RM: come è andata a finire?”

  1. Queste sono le notizie che voglio leggere.
    Faccio gli auguri alla collega per il suo futuro spero radioso(BRAVA)
    Marcello Longo

  2. Complimenti Consuelo hai le p….. “attributi” piu’ di qualsiasi altro Tecnico Esperto che resta inerme ai continui abusi e soprusi da parte di colleghi e Dirigenti anziani fermi al passato quando eravamo solo dei fotografi!
    Dobbiamo lottare pur essendo pluri-qualificati per svolgere le nostre mansioni? Cari colleghi dobbiamo prenderci quel che e’ nostro! R.T.; M.N.; T.C.; R.M:N.; Ecografia; Rx; Amministrazione di Sistema; Dirigenza e Coordinamento. Mi raccomando giovani, studiate, per non accontentarvi delle briciole.

  3. Bravissima Consuelo, hai dimostrato rispetto e amore per la propria professione , ti faccio i miei auguri .

I commenti sono chiusi.